CONTO IN ROSSO? SI CHIUDE MA IL DEBITO VA PAGATO

CONTO IN ROSSO? SI CHIUDE MA IL DEBITO VA PAGATO

10/10/2016

Se si vuole trasferire il conto corrente da una banca ad un’altra non si deve temere che, in presenza di fido, può arrivare il no della banca perché il conto è in rosso. Conto corrente e affidamento sono due operazioni da un punto di vista contrattuale ben distinte. «Secondo alcuni orientamenti non è giustificata la mancata chiusura del conto per l’esistenza di un saldo negativo - spiega il professore Gianni Stella, ordinario di diritto privato all’Università di Pavia - non è legittima la pretesa della banca che il cliente, per ottenere la chiusura del conto, debba prima rimborsare interamente il finanziamento».

Come spiega l’esperto, la cessazione del rapporto di conto corrente si produce per effetto della dichiarazione di recesso del correntista (eventualmente con il termine di preavviso previsto dalle clausole contrattuali), indipendentemente dalla sussistenza di un saldo negativo del conto. «La banca può ben esigere il pagamento del suo credito residuo - aggiunge Stella - ma non può mantenere in vita un rapporto contrattuale con il conseguente addebito di spese e commissioni previste in base alla disciplina del rapporto. In presenza di un’esposizione debitoria del correntista, l’estinzione del conto, infatti, determina il cristallizzarsi di un credito, liquido ed esigibile della banca nei confronti del ricorrente, pari all’esposizione debitoria medesima, ma non produce altri effetti e la banca non può condizionare l’estinzione del contratto alla sua previa regolarizzazione».

Molte sentenze hanno infatti censurato come illegittima la prassi, seguita da numerosi intermediari, di rifiutare la chiusura del conto e mantenerlo in vita a causa di un saldo negativo. «La banca è infatti tenuta a dare pronta esecuzione alla richiesta di chiusura del conto avanzata dal cliente - conclude Stella - dandovi seguito entro un termine ragionevole e congruo rispetto all'espletamento delle formalità necessarie per chiuderlo del rapporto».

Così, il suggerimento è di procedere al trasferimento e poi di definire rire con la banca tempi e modi per restituire le somme


(Il Sole 24 Ore, Plus 24, sabato 8 ottobre 2016)

Copyright © 2014 - Contango Finance - P.Iva: 04225540279 - Credits

Questo sito prevede l'utilizzo di cookie tecnici. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti al loro utilizzo. Ulteriori informazioni

CHIUDI