NO ALLE SEGNALAZIONI IN «CENTRALE» PER USURA

NO ALLE SEGNALAZIONI IN «CENTRALE» PER USURA

26/05/2016

A Padova risarcita un’azienda anche per anatocismo. Va risarcita l’azienda che è stata segnalata illegittimamente in Centrale rischi per conti correnti aperti prima della delibera Cicr del 2000 che regolava l’anatocismo (il pagamento degli interessi sugli interessi), mentre ai fini usura è stato ritenuto valido il metodo che include tutti i costi e le spese (commissione di massimo scoperto compresa) a prescindere dalle istruzioni di Banca d’Italia. È questa l’estrema sintesi della sentenza del 9 marzo 2016 con la quale il Tribunale di Padova, per la prima volta, collega gli effetti negativi prodotti in Centrale rischi dalla presenza sul conto corrente di usura e anatocismo.

I giudici veneti, per le segnalazioni illegittime in Centrale rischi (che hanno prodotto la revoca degli affidamenti presso gli altri istituiti e impedito di fatto l’espansione commerciale e produttiva della società), hanno condannato la banca a corrispondere all’azienda una cifra pari al doppio dell’indebito subìto da anatocismo e usura. Il giudice ha anche riconosciuto il danno d’immagine ai soci e ai fideiussori della società in quanto quest’ultimi hanno subìto un parallelo deterioramento della loro posizione in Centrale rischi.

In pratica, il giudice, in seguito alla rilevazione della presenza di usura e anatocismo sull’apertura di credito in conto corrente, ha evidenziato che la segnalazione dell’importo in Centrale rischi ha creato una distorsione sull’effettivo merito creditizio dell’azienda correntista. «Le imprese- consigliano dall’Ufficio studi e ricerche di Consultique - dovrebbero tenere sempre sotto controllo la propria visura Centrale rischi poiché - oltre al caso della sentenza di Padova del 9 marzo scorso dove il giudice ha riconosciuto un’illegittima segnalazione - possono esistere casi di errate segnalazioni degli istituti di credito tali da pregiudicare il merito creditizio dei soggetti segnalati. Si segnala - concludono da Consultique - che la richiesta della visura in Centrale rischi è gratuita e può essere fatta via posta elettronica certificata con il modulo presente all’interno del sito della Banca d’Italia nella sezione servizi al cittadino».

(Il Sole 24 Ore, Plus 24, sabato 21 maggio 2016)

Copyright © 2014 - Contango Finance - P.Iva: 04225540279 - Credits

Questo sito prevede l'utilizzo di cookie tecnici. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti al loro utilizzo. Ulteriori informazioni

CHIUDI