Un nuovo strumento per l’acquisto del mutuo arriva con la legge di stabilità..."> L’ACQUISTO DELLA CASA ORA PASSA ANCHE DAL LEASING | Contango Finance
L’ACQUISTO DELLA CASA ORA PASSA ANCHE DAL LEASING

L’ACQUISTO DELLA CASA ORA PASSA ANCHE DAL LEASING

01/02/2016

Un nuovo strumento per l’acquisto del mutuo arriva con la legge di stabilità per il 2016. Si tratta del leasing che ora apre interessanti opportunità soprattutto per quanto riguarda i giovani, visto che le agevolazioni maggiori per l’utilizzo di questo strumento viene riconosciuto proprio agli under 35. Quando è possibile o può essere conveniente utilizzare questo strumento? A differenza di qualche anno fa le banche non superano facilmente il tetto dell’80 per cento del valore dell’immobile, ora calcolato con criteri più rigidi che in passato. Una giovane coppia per esempio può non avere ancora accumulato una cifra che permetta l’avvio dell’operazione di finanziamento: sommare il 20 per cento dell’immobile, spese notarili, intermediazioni, assicurazioni, può portare a un risultato proibitivo per i giovani. Con il leasing immobiliare il problema non si pone all’inizio ma (è bene ricordarlo) si sposta alla fine: il leasing prevede una maxirata finale per il riscatto dell’immobile. Chi sceglie questa strada deve essere consapevole che alla fine appunto ci sarà il conto da chiudere.
La norma ha poi previsto questa soluzione, ma ora occorrerà vedere come sarà recepita dal mercato e come si configureranno le soluzioni in concreto. In genere il leasing per gli immobili abitativi, pur non essendo finora in linea teorica impossibile, non esisteva. Perciò occorrerà vedere anche i tassi di interesse che saranno applicati e le durate che saranno prospettate. Un leasing per un’auto non aveva la stessa durata che ha normalmente un mutuo (si veda l’intervista in basso). Un foglio illustrativo preparato da Assilea, l’associazione delle società di leasing, prospetta soluzioni a venti anni con un tasso di interesse al 2,9 per cento. Un’ipotesi che reggerebbe in linea di massima il confronto con un mutuo. Con una serie di vantaggi fiscali non irrilevanti (si veda la scheda qui accanto) che potrebbero fare pendere la bilancia dalla parte del leasing.
C’è poi l’aspetto “soggetti erogatori”. Le prime opinioni raccolte informalmente da Plus24 da fonti bancarie è che le banche sembrano al momento più interessate a mantenersi nel mercato dei mutui più che lanciarsi in quello del leasing, del quale si occupano più tradizionalmente società specializzate. Come spiega però Gianluca De Candia, direttore generale di Assilea: «La norma prevede che i soggetti che si occupano dell’erogazione del leasing immobiliare siano banche o soggetti comunque vigilati dalla Banca D’Italia. Senza contare tutte le altre garanzie a favore del sottoscrittore previste dalla legge, come la deducibilità sull’intera rata di leasing, quindi non solo degli interessi, ma anche del capitale, la stessa cosa avviene anche per la rata finale».
Un altro aspetto che occorrerà poi vedere è se la soluzione sarà praticabile anche nelle vendite tra privati oppure magari sarà una strada che si adatterà meglio alle vendite dal costruttore o da dismissioni da parte di imprese o altri enti. Il mercato potenziale per questo strumento sicuramente esiste. De Candia ricorda che:«Secondo dati dell’agenzia delle Entrate, il valore medio delle compravendite 2014 è di circa 171 mila euro, mentre i giovani under 35 senza una casa in grado di pagare il leasing (reddito lordo tra i 30 e i 55 mila euro secondo il ministero dell’Economia) sono oltre 200 mila. Se moltiplichiamo i 172 mila euro per un quarto dei possibili destinatari (50 mila giovani) si otterrebbe 8,550 miliardi (la metà di quanto chiuderà il totale leasing nel 2015)». Aggiungendo anche gli over 35 nelle condizioni di fare un acquisto immobiliare, si arriva a circa un milione di soggetti. Al momento, ovviamente, tutti potenziali.

(Il Sole 24 Ore, Plus 24, 2 gennaio 2016)

Copyright © 2014 - Contango Finance - P.Iva: 04225540279 - Credits

Questo sito prevede l'utilizzo di cookie tecnici. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti al loro utilizzo. Ulteriori informazioni

CHIUDI